martedì 12 dicembre 2017

Behind the photo #39 - Patti Smith


A volte la fretta di editare un lavoro fa si che alcune fotografie non vengano prese in considerazione perché non interessanti per il committente o per altri, vani, motivi. E' il caso di questa fotografia di Patti Smith: in questi giorni stavo riguardando alcuni vecchi lavori sul Tenco e ho trovato questa intensa immagine...

lunedì 4 dicembre 2017

Giovanni Impastato


La prima volta che incontrai Giovanni è stato il 2007, ero a Cinisi con la Carovana Antimafia Cuore. In questi 10 anni l'ho incontrato diverse volte, soprattutto a Torino. Ma qualche giorno fa è venuto a Sanremo e non potevo non salutarlo. 

giovedì 30 novembre 2017

Resoconto intervista con il GF La Mole di Torino



Sono passate solo poche ore dal bellissimo incontro che si è svolto nella magnifica sede del GF La Mole di Torino. L'accoglienza è stata magnifica, tutti i presenti, numerosissimi, si sono dimostrati molto interessati la mio lavoro. Un grazie particolare al direttivo del gruppo, in particolar modo al presidente Riccardo Rebora per la splendida accoglienza. 

Ecco di seguito l'intervista:

- Visto che la platea della Mole presenta numerosi volti nuovi, è il caso di ricordare brevemente il tuo background e come da una laurea in psicologia del lavoro si giunga a essere titolare di un avviato studio fotografico specializzato in eventi e fotografia di impresa.

Ho iniziato a fotografare tardi, proprio durante gli ultimi anni dell'università, la mia scelta di studiare psicologia è dovuta proprio al mio amore per l'essere umano, proprio per questo non ci sono molte mie fotografie senza la sua presenza, diretta o indiretta. Inoltre mi sono specializzato in psicologia del lavoro e delle organizzazioni, e caso vuole che il core business del mio studio fotografico fossero proprio le aziende. Oggi mi occupo del sociale, mestiere che mi ha permesso, da una parte di tornare alle origini, infatti appena laureato mi sono occupato della formazione di soggetti svantaggiati e del loro orientamento professionale, ma anche di venire a contatto con un'umanità che mi sta aiutando a conoscermi meglio.
Per me la macchina fotografica è solo uno strumento di conoscenza, un blocco di appunti, di schizzi per poter conoscere meglio la realtà che sto vivendo. Il mio lavoro da psicologo, da fotografo e ora da operatore del sociale mi ha permesso di conoscere l'animo umano, che è il fine ultimo della mia ricerca personale.

- Fotografia non solo come mezzo di sostentamento, ma come un vero e proprio talento che nei tuoi reportage emerge a chiare lettere. Hai voglia di raccontarci i tuoi principali lavori?

Il mio intento in fotografia è quello di raccontare le storie che mi appassionano. Come ho già detto, il mio lavoro da psicologo prima, quello di fotografo dopo e ora di operatore nel sociale, non sono solo un modo di finanziare i miei lavori, i miei reportage, ma anche un modo per poter incontrare realtà diverse che mi aiutano a crescere e a conoscere situazioni nuove. Proprio la mia curiosità è il motore che spinge nella continua ricerca che sto facendo da circa 20 anni. Inizialmente fotografavo come tutti, in vacanza, ma poi, durante gli ultimi anni dell'università qualcosa è cambiato e ho iniziato a fotografare in maniera più analitica e con più costanza. Dopo qualche anno ho iniziato a capire che quello che maggiormente mi interessava era raccontare delle storie che mi interessavano, che mi incuriosivano e ho iniziato a esplorare il mondo del reportage. Utilizzo la fotografia soprattutto per me stesso, non tanto per portare agli altri un messaggio o per condividere quello che ho fotografato, ma utilizzo la macchina fotografica per studiare delle situazioni delle storie che voglio approfondire.
Amo i lavori lungi, anche di alcuni anni, perché mi permette di studiare meglio quello che documento, mi permette di conoscere in maniera più approfondita le persone ritratte. Il primo grande lavoro che ho intrapreso è stato quello su un gruppo di Rom, presentato alla Mole ormai quasi una decina di anni fa. Il reportage racconta, durante un arco temporale di 4 anni, la storia di alcuni rom che da nomadi sono diventati stanziali, seguendo passo dopo passo questa loro trasformazione sociale. Questo rappresenta per me un lavoro importante perché mi ha fatto capire come la fotografia mi possa aiutare a entrare in situazioni che difficilmente riuscirei a conoscere, ma che mi interessano, come uomo e come psicologo.
Altri lavori importanti sono per me quelli del filone del borderline, dove sto esplorando e documentando la vita di tutti coloro che hanno deciso volontariamente di vivere una vita secondo canoni che non sono quelli socialmente riconosciuti da tutti, inizio a citare le Drag queen, per passare alla cartomante, ma anche alla escort o alle suore di clausura. Proprio quest'ultimo lavoro mi ha permesso di entrare in contatto con una delle categorie meno accessibili per definizione. Da questo progetto, che inizialmente era nato come un semplice lavoro di documentazione per le generazioni future, prima che il convento scompaia, è diventato una mostra e poi un libro fotografico.



- Alcuni lavori sono dei pezzi unici mentre, altri sono ricorrenti come quello del premio Tenco. Ci racconti come è iniziato il progetto?
Questo lavoro nasce dopo il mio ritorno a Imperia. Una mia carissima amica, compagna di liceo, fa parte del Club Tenco dal 1998 e appena ha saputo del mio arrivo, conoscendo i miei lavori in campo musicale, mi ha chiesto di aiutare il loro ufficio stampa. Con loro mi sono occupato, non solo della documentazione fotografica, ma anche della gestione dei social network, in particolare di facebook e twitter durante le varie rassegne.
Il bello di questo lavoro è proprio il clima allegro e amicale che regna in questa situazione. Anche tra i vari fotografi che anno dopo anno ci incontriamo sotto il palco non c'è rivalità, ma anzi, è nata una bell'amicizia. Abbiamo creato anche un gruppo su Facebook per tenerci in contatto durante l'anno, quando siamo sparsi per mezza Italia.
Altro aspetto molto interessante è che non c'è solo la parte live da documentare, ma anche le prove, che di solito sono libere e aperte alla stampa, dove si possono scattare fotografie molto particolari e intime dei musicisti, ma anche l'infermeria o la cena del dopotenco, dove, in entrambi i casi, lo spirito goliardico della rassegna emerge e fa si che possano scattare immagini molto particolari.



- Un lavoro invece in continuo divenire è quello di documentazione che svolgi per Libera...che cosa ti fornisce continui stimoli fotografici?

Ho iniziato a collaborare con Libera nel 2005 in maniera molto casuale: ho letto su Torino Sette di uno spettacolo di circo da strada a Palazzo Nuovo e visto che all'epoca stavo documentando proprio gli artisti da strada sono andato a fotografarli. Come sempre chiedo se volevano i miei scatti e a chi potevo spedirli, invece di darmi una mail, come spesso accadeva, mi hanno invitato ad andarli a trovare per consegnare le fotografie. Da quel giorno ho iniziato a lavorare con loro, prima con Libera Piemonte, poi anche con Libera nazionale con la copertura dei grandi eventi come le manifestazioni del 21 marzo o Contromafie. Oggi il mio ruolo è ancora cambiato, perché dopo il mio trasferimento a Imperia, dove la realtà dell'associazione è più piccola di quella di Torino e del Piemonte, mi sono stati affidati compiti più organizzativi e meno di documentazione, anche se continuo a lavorare in questa direzione. Per 4 anni ho insegnato fotografia nei campi di mediattivismo, proprio in questi mesi sto creando e organizzando l'archivio fotografico dell'associazione, ruolo che mi onora e mi impegna moltissimo.
Mi piace definirmi, in questo caso, un fotografo militante, perché faccio vita attiva all'interno di Libera, non a caso in questa settimana di ferie sono qua a Torino a fare documentazione di alcune realtà di Libera Piemonte, a Imperia coinvolgo i ragazzi con cui quotidianamente lavoro in attività di rispetto alla legalità. Credo moltissimo in quello che Libera ha fatto in questi anni e che sta continuando a fare e cerco di dare un piccolo contributo alla causa.


- Quello che ho sempre apprezzato della tua presenza al circolo è la tua apertura del confronto, hai sempre scelto il circolo come primo luogo di visione dei tuoi lavori alla ricerca di un confronto e di una crescita comune. E anche quest'anno ci onori di un prima visione. Ci racconti qualcosa in merito al lavoro che hai svolto presso il campo di Ventimiglia?

Prima ho detto che fotografo per me stesso, per conosce meglio la realtà che mi circonda, forse in maniera un po' egoistica, ma non per questo non ricerco un confronto, anzi lo ritengo di vitale importanza per la crescita personale, del mio lavoro e del gruppo. Non penso che una fotografia possa cambiare il mondo, ma credo che un'immagine possa risvegliare la coscienza di chi la guarda, arricchire l'anima dell'osservatore, far porre delle domande, far approfondire una tematica. Se dopo questa serata qualcuno si interesserà a Libera o farà una donazione alla cooperativa per cui lavoro, allora i miei lavori saranno serviti, avrò aiutato qualcuno a conoscere una piccola parte di realtà di cui ignorava l'esistenza.
Il lavoro delle Gianchette nasce proprio grazie al mio attuale lavoro, dove mi occupo di minori. A fine aprile ho partecipato a un corso sui minori stranieri non accompagnati, tenuto proprio a Ventimiglia dall'Unichef. In quel week end ho potuto conoscere diverse realtà che, come noi, lavorano direttamente sul campo all'interno del nostro territorio. Una di queste associazioni era la Caritas che gestiva il campo delle Gianchette, quartiere periferico di Ventimiglia, che era riservato solo ai minori non accompagnati e alle famiglie con figli piccoli. Al termine dell'ultima giornata sono stato invitato a visitare il campo e ne sono rimasto molto affascinato. Qualche settimana dopo ho iniziato a stilare un progetto da presentare alla Caritas per documentare la vita quotidiana e a giugno ho iniziato la documentazione vera e propria, in un periodo molto particolare, quello del Ramadan.
Ho voluto documentare la vita quotidiana dei volontari, degli ospiti del campo e di tutte le persone che ci gravitavano intorno. Inizialmente ho avuto grandi difficoltà, dovuta sia alla mia innata timidezza, sia alla barriera linguistica, infatti non tutti parlavano inglese. Per fortuna ho avuto due ottime guide che mi hanno permesso di entrare in relazione con le persone presenti nel campo e ho potuto portare a termine il lavoro.



- Abbiamo visto dei lavori completi, precisi e incisivi...pensi di essere cambiato nel corso degli anni?

Negli ultimi anni è cambiato moltissimo la mia visione della tecnica fotografica, prima ritenuta importante, ma mano a mano che passa il tempo ritengo che sia sempre marginale all'idea e a quello che si vuole comunicare: liberarmi dalle paranoie della tecnica mi ha permesso di concentrarmi maggiormente sul messaggio. Questo non vuol dire che la tecnica non sia importante, bisogna possederla, proprio per non esserne schiavi. Da sempre paragono la fotografia a un'attività sportiva. Come nello sport è importante la dedizione, la disciplina, la costanza. Non penso che il talento sia fondamentale, mentre la perseveranza sia di vitale importanza: in fotografia il talento equivale ad avere 100 metri di vantaggio in una maratona. Oggi abbiamo tutti gli strumenti per dedicarci con costanza alla fotografia, in primis il cellulare, che abbiamo sempre dietro e ci permette di essere “invisibili” agli occhi di chi stiamo fotografando, in modo da ottenere maggiore spontaneità. Questo non vuol dire che dobbiamo fotografare di nascosto, anzi, bisogna sempre spiegare perché stiamo fotografando, qual'è il fine ultimo del lavoro.

- Prima di lasciare la parola ai nostri soci, hai voglia di dare due dritte pratiche su come prepararsi da un punto di vista fotografico ad un reportage?

Il primo consiglio che vi posso dare è quello di studiare bene quello che andate a fotografare. Prima di iniziare a scattare dovete conoscere tutto sull'argomento, dovete essere ben documentati. Io faccio così: dopo aver scelto il mio soggetto leggo tutto quello che riesco a trovare, mi presento ai soggetti, spiego loro cosa ho in mente di fare, cosa voglio comunicare, li intervisto più volte per avere il loro punto di vista e solo dopo aver avuto tutte queste informazioni inizio a scattare. A volte passano alcuni anni tra l'idea iniziale e l'inizio degli scatti, in fotografia, ma soprattutto nel reportage non bisogna avere fretta, perché porta a compiere scelte spesso errate, non a caso considero questa la parte più importante di tutto il processo, la base, le fondamenta dell'intero lavoro.
Vorrei aggiungere che secondo me anche la parte relativa all'editing riveste un ruolo fondamentale nell'economia del reportage. La scelta delle fotografie, il loro taglio, la sequenza nel racconto sono nodi importantissimi nella storia che vogliamo raccontare. Personalmente ho notato come nell'arco del tempo è cambiato il mio modo di raccontare una determinata storia, oggi, se dovessi rieditare un lavoro di 10 anni fa lo farei in maniera completamente diverso rispetto al passato, mi piace pensare al reportage come un qualcosa di dinamico, non di statico, qualche che si evolve come ci evolviamo noi come fotografi, che cresce insieme a noi.

lunedì 20 novembre 2017

martedì 14 novembre 2017

lunedì 6 novembre 2017

Incontro - intervista presso il GF La Mole di Torino 29 novembre


Vi aspetto mercoledì 29 novembre presso il GF La Mole di Torino alle ore 21.00 dove verrò intervistato dal presidente Riccardo Rebora sul mio impegno per il sociale e sula mia decennale collaborazione con l'associazione Libera.
Durante la serata sarà proiettato, in esclusiva anteprima, il mio ultimo reportage sul campo di transito delle Gianchette a Ventimiglia. 
Non mancate!

martedì 31 ottobre 2017

Behind the photo #38 - Senza titolo




Senza Titolo

Questa fotografia è stata scattata durante uno dei miei laboratori fotografici che tengo periodicamente. La mia giovane allieva voleva sapere come realizzare un'immagine dinamica: un tempo un po' lungo e la magia è fatta! 

lunedì 23 ottobre 2017

PREMIO TENCO 2017

Anche quest'anno ho documentato il Tenco, la più prestigiosa Rassegna della musica d’autore. Una tre giorni di bellissima musica a Sanremo!
Come sempre un'esperienza bellissima!